L'OPIS:istituzione totale

StampaInviaPDFEPUB

Fummo lavati e sepolti,/odoravamo di incenso. 
E, dopo, quando amavamo, /ci facevano gli elettrochoc /perchè, dicevano, un pazzo /non deve amare nessuno.

Alda Merini declama Terra Santa e denuncia le violenze subite in manicomio e la condizione delle donne,
in particolare al Sud, in Puglia, a Taranto, dove fu internata. 



Dove la città allora finiva e cominciava a perdersi nella campagna ondulata salentina,  già dagli inizi del '900, c'era l'OPIS, istutuzione totale, temuta dagli uomini e dalle donne di Lecce e dei dintorni, che copriva un territorio interprovinciale comprendendo anche Brindisi e Taranto. Nei tempi noti come ''prima della guerra'' i ragazzini al tramonto indugiavano nei pressi, sui muretti là intorno,  per sentire le urla dei pazzi che a quell'ora sembra si levassero altissime. In seguito l'orrore si sarebbe azzittito con l'uso di chimica, macchine elettriche e altre torture.

Nella terra del ''venire a patti'' con il male e la melanconia che ti possiede, della coreutica e dei musici chiamati a liberare le fanciulle, della magia che cura e guarisce, la ''scienza'' della psiche si presenta e colpisce come un intruso ottuso, ignorante e temuto. Il iManicomio, mai  considerato come  ''luogo di cura'',  è visto e vissuto come reclusione, pena o minaccia di esclusione e perdita, di sè, del mondo e della stessa vita.

Ci racconta Stefanachi su  Carmelo Bene '' Io posso dire, da psichiatra, che faceva parte di quella categoria che noi classifichiamo come ''personalità psicopaticihe' non di psicosi nel vero senso della parola ... ma, l'ha detto Seneca: nessu grande genio è stato privo di un pizzico di follia''. E' risaputo però che da Lecce  Carmelo fugge dopo che ''il padre, sfruttando la complicità di un primario dell’ ospedale riesce a farlo internare in manicomio per un paio di settimane al solo scopo di scoraggiare il suo matrimonio con la Rossi, la quale subisce anche esplicite minacce.''  (nota 1)

All'Istituzione piaceva ''rimettere a posto'' le teste, anche quelle dei rivoluzionari e degli artisti, infatti toccò di peggio ad Eduardo De Candia,  Pittore   “I miei genitori erano colpevoli, ma i medici erano ancor più fessi e colpevoli di loro” ricordava  a chi, nelle notti d'estate, lo incontrava in piazza Duomo, degli elettrochock, raccontando il suo incubo le docce gelate ed il resto patito là dentro ... e se qualcuno diceva: ''ormai sono chiusi i manicomi!'' lui rispondeva ''NON chiusi! APERTI!! finalmente un giorno li hanno aperti!!

 

Si era uccisa nell'OPIS pochi giorni prima dell'8 marzo del '78 una giovane donna, sposata, portata là, ricoverata con ''sintomi'' d'isteria, allora bastava una richiesta del coniuge. Per l'ennesima volta quindi non una diagnosi certa! Facevano così, come dire ora arrestiamo un sospetto, un timore, la stanchezza di un altro.  

Sulle pagine della ''Tribuna del Salento'', indignato, ne aveva parlato Antonio Maglio e aveva anche registrato gli interventi dei medici di psichiatria Democratica, che aveva una sezione a Taranto e qualche riferimento a Lecce: forse uno di loro e' quel giovane medico che si vede nel nostro filmato, alla finestra, a guardarci, noi del corteo femminista, quasi ad assentire mentre gli altri cercano di portarlo via.  Noi sapevamo cos'era l'OPIS e che, come si diceva allora, fosse anche ''feudo democristiano''.  Qualcuna era particolarmente interessata e lo sarà anche dopo, proseguendo negli studi, a quelle tematiche di cui il movimento delle donne si stava  occupando (come in quel capitolo ''donne e follia, di quel testo  .................. che avevamo letto ) Oppure seguiva le lezioni di Psicologia all'Università, facoltà di filosofia.  Ma si trattò di qualcosa di più profondo, quel dramma apriva porte e finestre sul privato tragico di una donna qualsiasi, uccisa da una violenza di stato che si rapportava al contesto solo per corromperlo e renderlo complice: comunità,  famiglie, rapporti interpersonali assoggettati e utilizzati negli aspetti piu' deteriori di quei modelli che noi stavamo rifiutando, con la promessa di renderli socialmente schemi di reazione al diverso  accettati e protetti, a cui conformarsi, pena l'esclusione, . Quello che definitivamente ci fece decidere all'azione di contestazione dell'8 fu un  manifesto di lutto, affisso dalla direzione, in cui lIstutuzione annunciava a piageva la morte della sua vittima. Vedendolo affisso lì sui muri del manicomio, la notte dell'attacchinaggio del nostro manifesto nei giorni precedenti l'8marzo, ne fummo scandalizzate, indignate, offese. Il corteo sarebbe passato prima dall'Ospedale Civile e quindi da quel luogo di pena: le immagini del filmato parlano della nostra fortissima reazione.

 

E così scrivemmo sul volantino distribuito in città durante il corteo di quella giornata del marzo '78:

Leggi anche, dal nostro archivio, materiali convegno nazionale 1978

 Donne e Follia - di Franca Ongaro Basaglia

 

altri link di approfondimento:

        Un esperimento di genere maschile - 

 

Strudà (Le)1976

 

https://culturasalentina.wordpress.com/2010/10/29/edoardo-de-candia-semb...
http://www.aldamerini.it/biografia/

 

               Claudio Lolli - Vecchia Piccola Borghesia 
              ''chiuderesti in un manicomio tutti gli zingari e gli intellettuali''

 

 

Intervista al Prof. Luigi Stefanachi, psichiatra, su Carmelo Bene
(Rai 3, 3 gennaio 2011) - da 0.24

 

 

 

 

 

Luogo: 
Anno: 
Parole chiave: 
Contesti: 
Campi di memoria: